Non sono né una santa né una eroina

Qualche tempo fa ho visto The End of Justice con Denzel Washington e Colin Farrell. Quello che nei primi venti minuti sembrava un film, il solito, sui diritti civili dei neri negli Stati Uniti, si è poi rivelato, con convinzione, tutt’altro. Questo è un film che sputtana l’atteggiamento comune di ammirazione (a parole) per i buoni, i pii, i giusti, gli integerrimi. Insomma, tutti coloro che si battono per una buona causa, in genere senza guadagnarci un accidenti.

Los Angeles, California. Roman J. Israel (Denzel Washington) è un geniale penalista e civilista che da decenni prepara le cause del titolare dello studio che gli dà uno stipendio. Non ha mai dibattuto un solo caso in aula, benché sappia il Codice a memoria e possa sbugiardare a braccio qualunque violazione dei diritti civili, ogni sorta di diseguaglianza sociale e di iniquità di Stato. Vive in una topaia in un quartiere povero, ma si sente un uomo di valore perché non ha mai smesso di militare per i neri, affidando l’intera sua esistenza alla causa razziale. Quando però il titolare dello Studio ha un infarto il liquidatore dei conti, il giovane e rampante avvocato George Pierce (Colin Farrell) capisce al volo che Roman è un asso e lo assume con uno stipendio favoloso. Lo squalo in completo Armani è l’unico ad aver davvero scommesso sul talento di un sessantenne in abiti stazzonati, eloquio da Padri Fondatori e una povertà evidente.

E qui cambia tutto. Roman capisce il difetto deformante della sua militanza. Non gli basta più ascoltare le lodi dei vari movimenti liberal che gli dicono “tu sei una fonte di ispirazione”. “Il mondo è pieno di cose meravigliose”, ammette con se stesso, quando finalmente può comprarsi dei vestiti eleganti, delle scarpe italiane, pranzare con anatra arrosto e lasciare l’appartamento-topaia per un appartamento con vetrata sulla città. Essere dalla parte della giustizia non gli aveva portato nulla di buono: era solo diventato sempre più povero lui stesso, la vita gli era scivolata tra le mani mentre cercava di raddrizzare il mondo, e alla prova dei fatti il sant’uomo che lo aveva tenuto a contratto per decenni, in nome di ideali altissimi e nobilissimi, non sapeva che farsene del suo talento. Chiacchiere, e basta. Pierce invece ci aveva impiegato 10 secondi per dargli l’occasione che meritava.

Nessuno degli amici “attivisti” capiva la svolta di Roman. Ma come, non gli bastata più sapere di essere dalla parte giusta?

Sento spesso invocare, quasi in termini religiosi, una analoga “nobiltà degli ideali” quando cerco di spiegare alla gente che incontro che questo magazine è indipendente. Va bene l’etica, ma etica non vuol dire “gratis per passione”. L’etica autentica si nutre di azione. Nel 2020 avete letto qui un totale di 80mila parole. La media di un pezzo (breve) è di 1200 parole, quando là fuori ci si ferma (quotidiani compresi) a 500 parole. Non mi sento una eroina, o una santa. Mi sento e sono una imprenditrice. 

Per questo ringrazio chi l’anno scorso ha pagato una donazione, dimostrando coraggio e accordandomi una fiducia di cui sono fiera. 

Sono certa che voi avreste agito come Colin Farrell.

E che avreste capito la gioia di Roman quando può finalmente camminare sulla spiaggia, davanti all’oceano, senza preoccuparsi dei conti a fine mese. 

Per questo vi chiedo di sostenere con una donazione invernale Tracking Extinction. A noi non interessano le pacche sulla spalle, i sorrisetti complici e le sviolinate fine a se stesse. La viltà un po’ ipocrita, insomma, di chi predica bene e poi non muove dito. A me e a voi piacciono i fatti, almeno è così che vi conosco io.

Noi andiamo fino in fondo. 

Grazie a tutti e buon fine settimana !

Una tantum
Mensile
Annuale

Donazione una tantum

Donazione mensile

Donazione annuale

Scegli un importo

€5,00
€15,00
€100,00
€5,00
€15,00
€100,00
€5,00
€15,00
€100,00

O inserisci un importo personalizzato


Grazie infinite !

Apprezziamo il tuo contributo.

Apprezziamo il tuo contributo.

Fai una donazioneDona mensilmenteDona annualmente

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.